LA STORIA

Nelle ridenti campagne del sud-est Barese, precisamente a Turi, nasce nel 1982 il Pastificio Di Bari Tarall’Oro. Inizialmente come tarallificio, questa attività si è subito posta come obiettivo principale quello di riuscire a soddisfare le esigenze dei consumatori. In effetti dopo pochi anni, decide di offrire alla propria clientela nuovi prodotti, conservando però la qualità di sempre avviando così una nuova linea che prevede questa volta la produzione di pasta artgianale che trova subito un buon riscontro sul mercato.

La produzione avviene con l’utilizzo di semola extra calibrata ottenuta per l’estrazione dal miglior grano duro delle murge.

Inizialmente il processo di lavorazione avveniva per mezzo di macchinari artigianali che consentivano esclusivamente la produzione di pasta formata come orecchiette, cavatelli, fusilli, strascinate, capunti… Negli anni sucessivi invece, grazie alla continua richiesta da parte dei clienti che hanno contribuito alla crescita dell’azienda, sono state installate nuove linee di produzione e adottati nuovi macchinari dotati di trafile ed

inserti in bronzo che hanno permesso l'incremento delle referenze tra cui: ciocche, ruote, fiori, pennette, maccheroncini, strozzapreti…

Nel 2000, viene installata un'altra linea di produzione artigianale per consentire all'Azienda di produrre tagliolina e spaghetti rigati di qualità.

Nonostante si siano adottate nuove tecnologie nel corso degli anni, la produzione è comunque rimasta fedele alle tradizioni per conservare i sapori di una volta. Quelli raggiunti in questi anni, sono tutti grandi obiettivi che hanno validi presupposti: la Tarall'Oro vuole diffondere nel mondo prodotti alimentari riconosciuti dai consumatori come eccellenti per gusto e qualità, che contribuiscono ad un'alimentazione corretta.

Attualmente sono in programma nuovi ampliamenti che consentiranno un ulteriore incremento della produzione e un miglioramento della qualità del prodotto per andare sempre più incontro alle esigenze del cliente e alla soddisfazione del consumatore.

GUARDA IL VIDEO